GALLERY

Quando nel duemila ho iniziato la mia esperienza con la grafica di incisione, ed ho conosciuto questo materiale, che intriso di inchiostro calcografico rivelava materia, colore e trasparenza, ho subito intuito che, una volta riciclato, sarebbe stato un mezzo perfetto per esprimermi. È stato quasi un ritorno all’esperienza della vetroresina che tante soddisfazioni mi aveva dato, e che avevo abbandonato da qualche tempo per altre ricerche formali.



Immagini di opere informali



A Luigi Nono



A Matteo Segafreddo e Giorgio Binda



Sacchi



Pseudoarazzi